Page 4 - Toscana Medica
P. 4

4 LE COPERTINE DI TOSCANA MEDICA
FEDERICO NAPOLI
Pellegrini e mercanti
Il viaggio nel medioevo
“Febus el Forte”, XIV-XV secolo
Manoscritto cartaceo, legatura di restauro (1970) in assi, dorso in pelle Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale
Il 22 giugno di centocinquant’anni fa il Bargello apriva le sue sale come Museo Nazionale, primo del nuovo Regno d’Italia. Inaugurato come luogo destinato alla conserva- zione di scultura medioevale, ha poi ampliato la propria vocazione quanto meno con opere rinascimentali e cera- miche. Da allora ha compiuto un lungo viaggio di idee, di passione e di valorizzazione: ora nei suoi locali e fino al 21 giugno è un viaggio diverso ad essere protagonista, con la mostra “Il Medioevo in viaggio”. Mille anni fa si viaggiava per espiazione di peccati o di condanne, per motivi di fede, interessi economici, cause militari, ma la società di dieci se- coli fa era in movimento, comunque e alla fine, per motivi
Per i Biglietti:
di sopravvivenza: fuggire una peste o una carestia, sottrar- si ad un esercito invasore, portare nei mercati prodotti da barattare.
Di conseguenza, la mostra – che dilata a livello europeo il concetto di medioevo includendo quindi anche il XVI se- colo –, ospitata ora al Bargello proveniendo dal Musée de Cluny (Paris), si articola in varie sezioni, dando corpo anche ad una collaborazione fra i due suddetti musei, oltre allo Schnutgen di Colonia e l’Episcopal di Vic (Catalogna).
Viaggiare comportava la necessità di avere carte, se per mare dette portolani (indicavano i vari porti lungo le rotte), come pure il bisogno di avere strumenti utili per l’orienta- mento: ecco gli astrolabi, oggetti un tempo di uso comune nella navigazione – solo il sestante e dal XVIII secolo li sosti- tuirà –, se in un testo del 1392 lo scrittore e poeta inglese Geoffrey Chaucer ne indica gli usi al figlio giovanissimo. Se, invece, il viaggio era via terra, necessaria risultava una map- pa del territorio: in mostra compare una curiosa carta dell’I- talia vista da Nord, cioè dalle Alpi, destinata a viaggiatori che arrivavano dal centro Europa. Ma il viandante aveva un’altra necessità, quella di possedere calzature adatte ed alcune di queste sono esposte, rarissime e pertanto prezio- se. In mostra compare (altrettanto raro) un libro da cintura, con testi giuridici, pertanto necessario a un viaggio d’affari o a chi esercitava la professione. Un arazzo fiammingo del XVI secolo che presenta personaggi aristocratici in viaggio esemplifica il modo di portare questo tipo di oggetto lega- to alla cintura.
Placchette – XII secolo, dalla Francia –, reliquiari – pre- zioso quello proveniente dal Schnutgen Museum di Colo- nia – e miniature, sono oggetti che si sposano con il viaggio per motivi di pellegrinaggio nei luoghi santi della cristiani- tà, magari lungo la via Francigena; invece, le armi esposte rimandano alla dimensione militare (ricordando anche i cavalieri erranti); scatole da messaggero e scarselle si riferi- scono al mondo amministrativo del tempo. L’altra società, quella aristocratica, delle corti è riflessa proprio nell’arazzo fiammingo già nominato: qui il viaggio appare come spo- stamento da una residenza all’altra, da un vassallo all’altro, anche seguendo significati di visibilità del potere. Viaggi compiuti senza rinunciare a certe comodità: un cassone decorato – quasi raffinato quello proveniente dal Musée de Cluny, datato 1500 circa –, un tavolino pieghevole, la scacchiera.
In ultimo, anche il matrimonio comportava uno sposta- mento, sia materiale che metaforico, ritrovandosi nel pas- saggio della sposa dalla casa paterna a quella del marito: esposte nella mostra fiorentina compaiono due selle del XIV secolo – una senz’altro nuziale – elaborate e sontuose, in legno con intarsi in osso e corno.
Mostra (curiosa e preziosa) e catalogo curati da Bene- detta Chiesi, Ilaria Ciseri, Beatrice Paolozzi Strozzi. TM
Il Medioevo in viaggio
Museo del Bargello
Fino al 21 giugno
Orario: lun/dom 8,15 -13,50
Toscana Medica 5|2015
https://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=bargello


































































































   2   3   4   5   6