Un abbraccio e una preghiera per i medici italiani caduti durante l'epidemia di Covid-19Un abbraccio e una preghiera per i medici italiani caduti durante l'epidemia di Covid-19 

A seguito delle criticità emerse per le situazioni in oggetto, si comunica che il Responsabile dell'Ufficio Medico Legale dell'INPS di Firenze, D.ssa Anna Paola Cappellini, in data 15/12/2020 ha fornito i seguenti chiarimenti.

Nel certificato di malattia i medici devono semplicemente scrivere la situazione specifica che stanno analizzando. Ad esempio scrivere nel campo Diagnosi: "lavoratore ancora positivo al tampone dopo 21 giorni in attesa di negativizzazione per il rientro al lavoro". La codifica V07 può essere inserita, ma per l'INPS non è necessaria.

 

L'INPS valuterà i certificati pervenuti secondo quanto previsto dalle norme.

I lavoratori comunque sono tenuti a rispettare le fasce di reperibilità.

Il tutto in attesa di soluzione del contrasto normativo tuttora esistente fra il DPCM del 03/12/2020 e la Circolare Ministero Salute del 12/10/2020.

 

 

torna all'inizio del contenuto