• imgSlide11a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide5.png

Elezioni 2018-2020

Le operazioni di voto si sono concluse martedì 21 novembre 2017 alle ore 20, con la chiusura del seggio al termine dei tre giorni di votazione.

Attualmente sono in corso le operazioni di scrutinio.

Esami diagnostici prevaccinali

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, con il supporto della Direzione generale per la Prevenzione del Ministero della Salute, ha diramato importanti indicazioni ai pediatri e ai medici di medicina generale a proposito delle richieste di esami diagnostici prevaccinali che provengono da genitori contrari alle vaccinazioni.

Questo il testo del comunicato:

Lesioni personali stradali: obblighi per i medici

A seguito dell'entrata in vigore della Legge n. 41 del 2016 sull'omicidio stradale, vi sono importanti ricadute sugli obblighi per i medici, in particolar modo nei casi di lesioni personali gravi o gravissime derivanti da sinistri stradali con prognosi superiori a 40 giorni.

Per questo motivo la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici ha diramato una comunicazione dove ricorda i corretti comportamenti da tenere, sia da parte dei medici dei Pronto Soccorso, sia da parte di tutti gli altri medici (di famiglia, specialisti, ecc.) che si trovino a formulare prognosi di malattia superiori a 40 giorni derivanti da sinistri stradali, sottolineando che la mancata segnalazione all'Autorità Giudiziaria comporta l'imputazione per il reato di omissione di referto o denuncia.

Da sottolineare che i 40 giorni di malattia che fanno scattare l'obbligo di referto o denuncia possono derivare anche da continuazione di malattia precedentemente prognosticata con un termine inferiore.

Di seguito il testo integrale della comunicazione della FNOMCeO:

La FNOMCeO contro le violenze ai medici

“È finito il tempo delle parole, delle dichiarazioni d’intenti e di vicinanza, è finita anche quell’inclinazione, naturale per un medico, di comprendere le ragioni, le paure, gli istinti del paziente, persino quando, spaventato da una diagnosi o dalla malattia, diventa aggressivo. Quello che è successo a Catania, e non si tratta purtroppo di un caso isolato, ha ucciso ogni sentimento di comprensione: qui non si tratta di aggressività, ma di violenza gratuita; qui non si tratta di pazienti, ma di delinquenti; qui non si tratta di prendere provvedimenti sul caso specifico, ma di ridisegnare, con interventi strutturali e di sistema, l’intero servizio di Guardia Medica e di mettere finalmente in sicurezza i nostri professionisti”.

Così il presidente della FNOMCeO, Roberta Chersevani, interviene sul gravissimo episodio che ha visto la giovane dottoressa di turno in una guardia medica nel catanese essere aggredita e violentata da un suo paziente.

Leggi tutto: La FNOMCeO contro le violenze ai medici

Locandina informativa sui certificati di malattia telematici

Qualche mese fa, al termine di un lavoro congiunto di approfondimento, l'INPS di Firenze, l'Ordine dei Medici di Firenze e i Sindacati della Medicina Generale elaborarono una locandina informativa sui certificati di malattia telematici con lo scopo di informare i pazienti sulle regole di comportamento in caso di malattia ed evitare, così, i disguidi riscontrati in sede di visite di controllo.

L'iniziativa fiorentina è stata così utile ed opportuna che adesso è stata fatta propria dall'INPS nazionale. La sede centrale ha infatti avviato una campagna informativa che coinvolge tutte le sedi INPS italiane, chiedendo l'impegno alla massima diffusione della locandina informativa presso tutti i luoghi di cura: studi dei medici di famiglia, strutture sanitarie pubbliche e private.

Questa è la locandina informativa nazionale, "figlia" di quella fiorentina: